RETI DIGITALI SENZA FILI

Per realizzare una rete interna di computer in una grande azienda, in un complesso di uffici tra loro funzionanti o semplicemente all’interno di una abitazione occorrevano cavi, schede varie ed operazioni edili di foramento muri e tramezzi per la posa della rete di collegamento. I costi di queste operazioni erano e sono molte onerose. Per ovviare a tali inconvenienti e dietro anche alla lunga sperimentazione positiva di tastiere e mouse senza fili, è oggi possibile mettere in comunicazione due o più computer, sfruttando la tecnologia WIRELESS ovvero attraverso le onde radio della gamma SHF (Onde radio Ultracorte). La congiunzione senza fili via radio avviene tramite trasmettitori e ricevitori in fullduplex (Cioè come avviene per il telefono. Parla e ascolta simultaneamente). Con tale sistema via radio è sufficiente inserire una speciale scheda in ogni PC e gli stessi saranno subito pronti per scambiare fra loro dati, file e tutto ciò che si vuole. Con questo moderno sistema via radio si eliminano una moltitudine di cavi e connettori vari.
Anche i portatili possono essere collegati via WIRELESS tramite una speciale scheda denominata PC-CARD.
Le distanze che si possono coprire vanno dai 30 metri ai 300 metri circa. Purtroppo le onde radio SHF non hanno la proprietà di attraversare muri, pareti consistenti o separazioni metalliche e pertanto il primo fattore negativo è dato proprio da questo fatto. Il secondo fattore negativo è il fatto che le trasmissioni di dati via radio, possono essere intercettate. Il fatto d’aumentare la potenza di radiofrequenza o di applicare delle antenne professionali ad alto rendimento è relativamente poco fruttuoso sia per il fatto della distanza e sia per il fatto della perdita di velocità dei dati nonché, per ultimo, dell’aumento notevole dei costi. Conviene quindi lasciare le cose così come studiate ed accontentarsi anche della minima distanza dei trenta metri che è già più che sufficiente per ottenere bassi costi e massima velocità dei dati.
adiprospero.it
LA PRIMA RETE WIRELESS

La prima rete locale senza fili fu inventata nel lontano 1971 da un gruppo di ricercatori dell’Università delle HAWAII. Questa rete si chiamava ALOHANET e metteva in comunicazione sette computer sfruttando le onde radio.
Inoltre già durante le seconda guerra mondiale l’Esercito Americano utilizzava segnali radio criptati per consentire alle truppe di rimanere in contatto con il quartier generale senza che le informazioni venissero intercettate dal nemico.
Per oltre trenta anni però il sistema Wireless è rimasto sotto il segreto militare.
Solo recentemente l’adozione di standard di frequenze radio comuni ha consentito la liberazione del sistema ed ha consentito lo sviluppo di dispositivi ricetrasmittenti ad alta affidabilità in grado di consentire in modo preciso e corretto la comunicazione fra PC senza alcuna difficoltà.
Le principali tecnologie Wireless si chiamano IEEE 802.11 e BLUETOOTH.
Entrambe funzionano alla frequenza radio SHF pari a 2,4 GHz.
adiprospero.it/
COSA E’ L’IEEE 802.11B

La tecnologia IEEE 802.11B rappresenta la migliore soluzione per realizzare le cosiddette WLAN, una sigla che deriva dall’inglese WIRELESS LOCAL AREA NETWORK e indica le reti locali senza fili. Consente infatti di mettere in comunicazione più computer fra di loro eliminando qualsiasi collegamento via filo.
La trasmissione via radio raggiunge una velocità di trasferimento dati da 1 a 54 Mbit al secondo e può coprire le distanze già citate nella presente.
adiprospero.it